giovedì 9 gennaio 2014

I FORCONI DI YOUTUBE (ovvero come la battaglia dei feed rischi di diventare pretestuosa)

La prendo larga...

Vi ricordate i Forconi e le manifestazioni che si sono svolte in tutta Italia, con maggiore concentrazione nella "mia" Torino un mesetto fa? Ho avuto modo di parlarne anche qui sul blog in maniera forse un po' troppo "di pancia" ma...che ci volete fare? Ormai penso abbiate capito come sono fatto (nonostante il blog, a differenza dei video, mi permetta di mediare un po' di più)

Cos'era la protesta dei Forconi alla fine se non una protesta giusta nelle intenzioni (chi non vorrebbe pagare meno tasse ed essere se non ricco, quantomeno tranquillo economicamente? Chi almeno una volta non ha voluto "mandare a casa" l'attuale classe politica?) ma radicalizzata, male indirizzata, strumentalizzata e, a lungo andare, controproducente?

Bene, la cosiddetta battaglia per la liberalizzazione dei feed su Youtube rischia di diventare esattamente lo stesso.

(diamo adesso trenta secondi ai luminari tra di voi di dire "Ecco, adesso va contro i feed perché è amico di Gliotobbi e lo deve difendere dagli attacchi!1!1!!uno!!!terno!!!!1" per poi continuare il ragionamento dopo che costoro si saranno soffocati con i loro stessi punti esclamativi)


Spieghiamo cosa sono i feed per chi si era perso le puntate precedenti: YouTube permette come tutti sapranno di commentare e mettere "mi piace" o "non mi piace". Tralasciando il "non mi piace" che non appare da nessuna parte se non nella barretta vicina al counter delle visualizzazioni del video, di default (e ricordate questo passaggio perché ci sarà utile nel proseguire del discorso) questi "mi piace" e questi commenti sono privati: nessuno sa se io ho voluto mettere mi piace alle lezioni di cucina di GialloZafferano piuttosto che al video del bubbone gigante nella schiena che viene scoppiato (che porca miseria sto facendo di tutto per non vederlo e ogni tre per due mi riappare nella pagina di facebook...ma che cazzo siete? Amanti del pus?!)

YouTube però offre la possibilità di "liberalizzare" questi "mi piace" e questi commenti, rendendoli pubblici sia nella pagina del canale di chi ha commentato e "spolliciato", sia nella pagina "tutte le attività" presente nella sezione "le mie iscrizioni".

A cosa serve questo e perché c'è così tanto accanimento a riguardo? (ah sì, dimenticavo per chi non sapeva nemmeno di cosa parlassimo: c'è tanto accanimento a riguardo!) Perché, oltre ad esprimere una preferenza o un compiacimento verso un video si può fare "pubblicità" a quel determinato video. Per dirla in maniera spiccia: se io che ho i feed liberi (e li ho, metto le mani avanti) metto "mi piace" al video di ChristianIce, o ad Andrea Kondra o al video su "L'uomo che cammina" fatto da Cavernadiplatone (e sto prendendo i miei ultimi mi piace...c'è anche quello al mio ultimo video ma...oh, che volete?) questi appariranno a tutti i 34.000 iscritti del mio canale che visiteranno la mia pagina o che andranno nella sezione "tutte le attività".

La cosa di per sé è sbagliata? Assolutamente no. È uno strumento che si ha in più per poter permettere a chi riteniamo valido di crescere e di arrivare ad un bacino d'utenza più ampio di quello che attualmente ha. Io stesso, come ho già detto, ho liberalizzato i miei feed (e se vi beccate qualche mio "mi piace" alle ricette del dulce de leche siete preparati psicologicamente)
nella foto, il dulce de leche in una delle rare foto in cui non assomiglia ad un vasetto di diarrea. Però minchia quanto è buono!

Ecco, tutto perfetto, se non fosse che, così come per i Forconi, si è portato tutto all'eccesso. E la battaglia per i feed è stata portata a livelli per cui si ritiene che la liberazione dei suddetti possa, tra le tante cose, curare la leucemia e salvare il mondo dalle doppie punte (e proprio mentre sto scrivendo questo post sono stato invitato a metter "mi piace" alla pagina i feed salveranno il mondo...No ma grazie di bruciarmi i post così!). E chi si è battuto per liberalizzarli è, senza mezzi termini, un eroe. Chi non li liberalizza, altrettanto senza mezzi termini, uno stronzo.

nella foto, un Youtuber medio prima della liberalizzazione dei feed.

Ho avuto molto in passato da ridire sia con Roberto Bonetti che con Dellimellow, i principali sostenitori e promotori di questa battaglia e, pur essendoci stati in passato diversi confronti, anche molto "accesi" mi son reso conto che i rispettivi punti di vista, sebbene distanti, non sono inconciliabili e nemmeno così distanti. Quello che però mi sento di imputare non tanto al primo (che ha deciso recentemente di spostarsi su argomenti vicini alla sua professione "fuori" da YouTube) quanto al secondo è che imbastire una vera e propria "caccia alle streghe" e puntare eccessivamente sui feed rischia di diventare semplicemente una burletta, un refrain al pari del "tutti a casa!" detto senza se e senza ma, che aumenta il nostro pubblico, per carità, ma non aiuta la community come si vorrebbe (ci sarebbe un discorso a parte da fare, grande come una casa su cosa significhi "community", su cosa significhi all'interno di YouTube e cosa farne parte implica, ma meglio non divagare.)

nella foto, lo Youtuber medio dopo la liberalizzazione dei feed
Mi permetto inoltre di condividere alcuni spunti per cui questo, secondo me, è un gigante di paglia

1) Partiamo col dire che, come accennavo sopra, di default YouTube rende privati questi feed e che poi uno decide di sbloccarli o meno. Cosa cambia?, direte voi. Cambia che un conto è decidere di togliere qualcosa che prima c'era, un altro e non volere (o non sapere, o dimenticare) di attivare una funzione in più. Quindi cerchiamo di toglierci dalla testa l'immagine dello Youtuber sporco e cattivo che di botto decide di non far vedere più i "mi piace" per paura della concorrenza. Ci sarà anche questo così come ci sarà anche quello che, semplicemente, non ha mai messo mano alle impostazioni di YouTube (meno che mai ora che la posizione delle varie voci delle impostazioni è cervellotica e confusionaria.)

2) Fino a qualche tempo fa (più o meno con l'avvento dell'ultimo restyling grafico di YouTube) tutti si lamentavano di una modifica stupida o, quantomeno, inspiegabile operata da chi gestisce il tutto: il lasciare la già citata pagina "tutte le attività" (quella in cui, per l'appunto, appaiono questi famosi feed) come pagina iniziale a discapito della pagina "solo video caricati" dove, come è facile intuire, appaiono soltanto i video caricati dai canali a cui si è iscritti. Il refrain all'epoca era "che schifo quest'ultimo cambio di grafica di Youtube! Cosa me ne frega di quello che fa il canale! Io voglio vedere solo i video dei canali che mi interessano! Così rischiano di perdersi tra tutti i contenuti aggiunti o spolliciati!" ed era una critica quantomeno condivisibile ma, concedetemelo, abbastanza in antitesi con la teoria dei feed. Se poi aggiungiamo che YouTube ha voluto ascoltare questa critica settando la pagina "solo video caricati" come quella principali, aggiungendo un "clic" di distanza tra l'utente e i feed (e credetemi, anche solo un clic per l'utente medio che probabilmente nemmeno sa cosa sono i feed fa la differenza), ecco che l'immane aura potentissima dei feed inizia ad affievolirsi.

nella foto Junior che è preso male per l'aura potentissima dei feed. Sono un gran burlone, lo so.


3) Aggiungiamo inoltre un altro giocatore alla partita: Google+. Già, perché tutto ciò è iniziato prima che arrivasse l'invadente social network di Big G. E per quanto possa essere invadente e per quanto per qualcuno della vecchia guardia potrà essere difficile mandare giù l'integrazione imposta tra il social network e YouTube... Google+ è uno strumento potentissimo per chi vuole crescere su YouTube. La faccio breve? Un social network OBBLIGATORIO per tutti coloro che hanno YouTube che fa un post sulla propria bacheca ad OGNI commento che si lascia sul video: un social network fatto SOLO di spam! Giustamente voi direte "un conto sono i propri iscritti su YouTube, un altro sono quelli che ti followano su Google+!" oppure "ma non tutti ancora sono abituati a guardare Google+!", e in entrambi i casi non avete tutti i torti...però perché non si inizia a prendere in considerazione questa possibilità MOLTO produttiva invece di continuare con questa tiritera?

4) Il punto più importante dal mio punto di vista: la libertà di scelta. Perché se è vero che io posso liberare i miei feed, se è vero che posso sponsorizzare qualcuno...allora deve rimanere una possibilità, una mia libertà, non un obbligo.

"Eh ma se tu sei arrivato fin lì è grazie ai "mi piace" e alle condivisioni di qualcun'altro! Dici che vuoi cambiare YouTube e poi non aiuti la comunity!1!!!cinquina!!!"

E il fatto che io (non io, Tizi...ah no che son sempre io...Caio!) sia dove sono mi obbliga a diventare il welfare di YouTube? O che io debba farlo in una determinata maniera? Ma anche no! La gente è libera di seguirmi o non seguirmi se io preferisco tenere le mie preferenze personali per privacy o per qualsiasi altro motivo (sarebbe carino che qualcuno mi seguisse per quello che c'è nel video, ma mi rendo conto che è chiedere troppo), ma deve essere una MIA personale scelta. E se vogliamo continuare a fare il paragone con i Forconi, l'imporre la liberalizzazione dei feed a me ricorda l'obbligare a tenere le serrande abbassate ai negozi, o vietare l'accesso ai grandi magazzini per favorire i piccoli negozietti. Un'imposizione a fin di bene ma, a lungo andare, fascista. Anche perché, a un certo punto, qualcuno potrebbe anche spazientirsi. E quindi andiamo al punto successivo...

5) Una volta liberalizzati i feed nulla vieta che io possa mettere "mi piace" esclusivamente ai miei video o, in alcuni casi, che segua "ordini di scuderia" (chi vuol capire capisce). Lì si andrebbe quindi sul merito di A CHI metto mi piace? "Eh ma metti mi piace solo a quello perché è cugino della sorella di tuo cognato e non a me?" Eccheccazzo ma qualcosa di testa mia la potrò fare? O vi chiedo pure di che colore lo metto il cappello?

Infine, per entrare nel caso di specie, accusare o dare dello stronzo a uno che fino all'altroieri nominava un canale a video e che ha fatto ben oltre che mettere il mi piace è abbastanza cretino e, a questo punto, strumentale. Si vuole parlare di cose utili alla comunità di YouTube o si vuole fare la polemica della giornata che, male che vada, qualcuno che mi caga sta settimana l'ho raggranellato? Perché se è il secondo caso ditemelo subito, smetto di prender la cosa sul serio e faccio il post su Superior Spider-Man che rimando da mesi.

(e tutto questo sorvolando su coloro che mi han dato del raccomandato perché sono stato sponsorizzato così come si chiede liberalizzando i feed)

Per concludere, io non nego che i feed possano aiutare in alcuni casi e credo che si possano fare tanti ragionamenti seri sulla questione... ma pensare che possano salvare YouTube o che, peggio, DEBBANO salvare YouTube, secondo la mia personalissima visione, diventano soltanto un altro, demagogissimo (esiste?) "Tutti a casa!"

E di demagoghi grazie eh ma stiamo apposto così.

59 commenti:

  1. Mi hai bruciato il post hahahaha... Non un post sul mio blog, ma su google plus... Avevo buttato giù due righe per parlare della mia idea dei feed e di tutta la caciara che il Delli ha fatto... E mo' che scrivo? Te possino!!! Hahaha perché se scrivo cose simili alle tue poi qualcuno mi dice che io che ho 11 iscritti al canale e non faccio manco video ho copiato te che sei famoso per farmi pubblicitá :)))))) e come lo dimostro io che erano già due giorni che ci rimuginavo sopra, pensando quasi le stesse cose che te hai scritto in questo post! Uffina ora piango ;) cattivo cattivone ti dò lo stesso la buona notte anche se non te la meriti hahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me lo dici che mentre scrivevo la frase sui feed come panacea di tutti i mali mi arriva la pagina fan sui feed a chiedermi il mi piace? XD

      Elimina
  2. il GRANDISSSSSSIMO tizio qualunque U_U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vai a studiare bastardo! (ti chiedo scusa a fra dato che non centra col post ma volevo vendicarmi)

      Elimina
  3. Lo aspettavo :)
    Diciamo che tra tutti coloro che ho visionato ... questo è quello con cui vado più d'accordo: http://www.youtube.com/watch?v=jQJhM6ODyig
    Un saluto, Fabio

    RispondiElimina
  4. La vera domanda, la vera questione, è una sola (che si scrive e si pronuncia tutta attaccata, così):

    Machiccazzoselinculastifeed?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guardati i minuti finali se hai tempo e poi risponditi da solo all'ultima domanda ;)
      http://www.youtube.com/watch?v=_6HPtYCJ7Bo

      Elimina
    2. Bravo Crash. Ironicamente hai sollevato un aspetto che non son riuscito a rendere abbastanza bene io nel post: il più delle volte il fruitore medio di Youtube (passivo, che non ha un canale ma segue e basta) non sa nemmeno di cosa si stia parlando.

      Elimina
    3. NoDownloadzone, questo video l'ho guardato perché me lo hai proposto, me lo hai descritto e mi hai detto il contenuto. Se me lo fossi visto recapitato in home, secondo te, nei 15 millisecondi che passano prima del click su "Iscrizioni", gli avrei dato peso?

      E sarà la magioranza la gente come Boban che si spulcia la home, o come me che non la guardo (mai, nemmeno per sbaglio)?

      Elimina
    4. No non gli avresti dato peso e credimi che non lo faccio neanche io!!!
      Ormai io quando parlo di feed mi riferisco a google plus perchè sul tubo neanche io li sfrutto.
      Però sto rivalutando molto google + e se usato bene può essere molto importante per tutti :)

      Elimina
    5. Il mio penultimo video è stato aggiunto ai preferiti da Cotto & Frullato, ha fatto 3000 visualizzazioni; il mio ultimo video 60 (non mila). Direi che qualcuno se li fila dopotutto

      Elimina
    6. assolutamente. Non quanti si crede.

      Elimina
  5. Posso fare però una domanda? perché uno non dovrebbe aprire i propri feed? quali sarebbero le controindicazioni? Oltre a questo, io credo che per pubblicizzare qualcuno sia molto meglio Facebook, anche perché io, come molti altri, seguiamo i canali principalmente da li. Non smetterò mai di ripeterlo a costo di sembrare petulante e stupido: se nelle live fate osservazioni e commenti (giusti e intelligenti per carità) sul degrado di Youtube e poi non fate niente per migliorare la situazione risultate ipocriti. Bisogna fare una scelta, o vediamo Youtube solo come un mezzo per cazzeggiare e divertirsi (e in quel caso BASTA polemizzare su Matano, Wilwoosh, Clapis, Giuseppe Simone, Dipré ecc) o prendiamo atto che è anche un mezzo di comunicazione della Madonna e che il fare lo youtuber comporta delle responsabilità. Non possiamo fare come i Fancazzisti, che tirano su un pubblico a cazzeggio e cazzate e poi se la prendono quando nessuno li caga se cercano di fare una live su un argomento serio. Così come non possiamo pretendere di fare discorsi sulle potenzialità e sulla qualità di Youtube e non fare nulla per promuovere quella qualità. Tu parli come se qui si stesse dicendo a Yotobi "A stronzo!!! metti mi piace a questo video" no, non è così. Se però c'è un video che trova simpatico tipo l'ultimo di Daveplissken perché non farlo vedere anche ai suoi iscritti? perché ha paura che lo definiscano come "Quello che decide chi deve emergere"? No perché se non lo fa per paura di dare credito ai mongoloidi che vanno in giro denunciando "La cricca di Torino" vuol dire che si sta rincoglionendo di brutto. Volete risolvere la cosa una volta per tutte? fate una live insieme a Dellimellow e Bonetti in cui tutti e 4 esponete le vostre ragioni. Se poi alla fine non si arriverà ad un accordo AMEN. Ma almeno Yotobi non apparirà più come "Il supremo signore delle ombre" e Dellimellow e Bonetti come "Quelli che vogliono solo rompere il cazzo ai più grossi"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io dell'argomento non so moltissimo, però posso provare ad immaginare una risposta.
      Il problema, secondo me, è che se youtubers famosi, come Yotobi o chiunque altro, avessero i feed aperti, le lamentele sarebbero il doppio di ora: chi dice "Ma dai, ma quel video fa cagare", chi dice "Ma perché a lui mette mi piace e a me no?" e cose simili. Possono essere cose stupide, ma alla lunga stancano. Ti basti pensare alle vagonate di commenti (idioti) contro il Tizio quando gestiva con Yotobi il canale di gaming: quanta gente continuava a dire "Eh ma lui è lì solo perché è raccomandato da Yotobi"? Già cose del genere ti fanno passare la voglia di aprire i feed, almeno questo è il mio punto di vista

      Elimina
    2. Se il Tizio fosse solo un raccomandato senza talento dubito che avrebbe 34.000 iscritti e fosse considerato uno dei maggiori esperti di comics sul tubo. O vogliamo forse credere che i 34.000 che seguono il Tizio sono tutti Bimbiminkia che si sono iscritti perché fa i video con Yotobi. Questa cosa non va EVITATA ma combattuta. Voglio citare il prode Matioski "A me sembra che ormai si consideri l'utente medio come uno schiavo al servizio dello youtuber. La realtà è che io posso sponsorizzare quanto voglio uno che fa recensioni, gameplay ecc ma se non è bravo o interessante, la gente non si iscriverà mai al suo canale". Che poi tutta questa storia è venuta fuori da quando un coglione a caso sponsorizzò pesantemente Mr AAAAAAAA. Se verranno fuori commenti del genere Yotobi farà un video in tutta calma intitolato "State dicendo puttanate, vi spiego il perché". Guardate Dario Moccia, che prende a palate in testa i suoi iscritti ogni volta che dicono o fanno una stronzata.

      Elimina
    3. Ma anche Yotobi lo ripeteva, praticamente non c'era mezzo gameplay senza che saltasse fuori la discussione. Sono d'accordo che se un canale non è interessante, la gente non si iscrive, ma allo stesso modo se tu sei un "raccomandato", la gente purtroppo non smetterà mai di fartene una colpa. Perché sì, il singolo individuo si ferma a guardare i video prima di esprimere giudizi, ma la folla è stupida.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Ma volete sapere la cosa più buffa di tutto questo?
      È che Yotobi HA i feed aperti, solo che i commenti che lascia vengono automaticamente "riversati" su Google plus, così come per tutti coloro che hanno il canale abbinato al profilo Google plus e non usano due profili diversi. Tanto rumore per nulla.

      Sul discorso iniziale...ragazzi, un conto è dire "questa cosa non mi piace", un'altra è "io ho IL DOVERE di cambiarla". Io non mi sento e non voglio la responsabilità di cambiare Youtube. E semmai ce l'avessi avuta scelgo io il modo in cui farlo. E il modo in cui lo farei io è cercare di fare un prodotto di qualità.

      Quanto al "perché non si liberalizzano?" Ti rispondo molto sinceramente: c'è chi lo fa perché semplicemente NON SA come si fa (voi non avete idea di quanto e quanto spesso cambi il menu di settaggio di Youtube), perché magari guarda cose che non vuole far sapere ma, anche (inutile negarlo) perché chi è sopra di lui gli dice di non farlo se non per determinati persone. È uno schifo? Certo che sì! Ma non è sparando nel mucchio che risolvi.

      Elimina
    6. Io non capisco... Se ho i feed aperti ma i commenti riservati su Google Plus, non cado in contraddizione? Ascolta Tizio, da utente di Youtube che segue diversi canali (tra cui c'eri tu, che mi ha aiutato a scoprire il fumetto fino a quando facevi video e che mi ha spostato sul blog), io non mi metterei mai a giudicare i tuoi gusti sui video che segui e a cui metti un innocente mi piace e lasci un commento, perché non scriverò malignamente: Tizio fa pubblicità a stronzo perché è raccomandato. Se a me non piace il video che ho visto faccio semplicemente una cosa: lo ignoro e non lo seguo. Allora perché crearsi questo problema che hai riportato nel punto 5? Perché se vai nel canale di Yotobi vedi i feed e i mi piace sui suoi video del suo canale Gameplay ma è legittimo, fa spam e non glielo vieta nessuno come nessuno gli vieta di mettere i pantaloni rosa e le scarpe verdi, ma se a me non piace il gameplay che fa (lo seguo e mi piscio dalle risate) non me può fregare niente se lui mette mi piace ad un suo video o quello di un altro, perché tanto andrò a vedere un video di un altro gameplayer italiano piuttosto che Yotobi.
      La cosa è molto più semplice... Youtube è un social network, non tanto diverso da Facebook dopo essere stato integrato forzatamente a Google+, dove gli utenti possono interagire più facilmente e fare nuove conoscenze; se ricordiamo questo allora possiamo facilmente accantonare i bimbiminkia che seguono molti Youtuber e fargli capire, attraverso il dibattito, come relazionarsi con gli altri utenti. Altrimenti facciamo TV e togliamo anche i commenti sotto i video e stronchiamo la carriera di un social network che sta prendendo sempre più piede in Italia.

      Elimina
    7. Un ultima cosa, così completo il mio punto di vista su quello che hai scritto riguardante sempre il punto 5: se uno mette mi piace a un video perché arriva l'ordine dalla scuderia il discorso è uguale a quello che ho fatto. Mi piace? No. Ignoro il video e seguo qualcun altro. Quelli che hanno un talentscout dietro per me utilizzano male youtube e youtuber raccomandati come Matano e altri ancor di più. Perciò se mi capita di vedere un loro vide e non mi è realmente piaciuto e metto non mi piace. Seguo chi talento lo ha veramente e chi ha la mia stessa passione.

      Elimina
  6. Post molto interessante, completamente d'accordo con te.
    A proposito di battaglie del Tubo (in tutti i sensi), non so se hai sentito le discussioni che sono nate qualche settimana fa, tra i PanPers, che avevano annunciato un video di gameplay, e diversi canali di gaming, che accusavano i PanPers di rubar loro il lavoro in quel modo.
    Tralasciando le opinioni sui PanPers, che sono gusti, mi piacerebbe sapere il tuo punto di vista sulla discussione e sul "monopolio" del gaming su Youtube (o qui per risposta, oppure anche con un post, se lo ritieni un argomento interessante).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ci sono trovato l'anno scorso quando facemmo il canale di gameplay io e il signor Yotobi: il giorno dopo video con le nostre facce e il saccone di dollari affianco. Immaginati la gioia del sottoscritto.

      Diciamo che però le motivazioni che spinsero me e Karim erano diverse da quelle che stanno spingendo tantissimi su Youtube (se vi dicessi che anche qua ci sono in mezzo "ordini di scuderia?" e se prima i gamer "professionisti" quando si accanivano con me e il signor Yotobi mi sembravano esagerati, adesso che il genere è totalmente saturo di parvenue che lo fanno soltanto perché gli han detto che tira...li capisco.

      Elimina
    2. Che ci sia un aumento vertiginoso di canali di gaming su Youtube è verissimo ed è abbastanza palese come molti stiano seguendo il vento, quindi posso capire che l'aumento di concorrenza possa infastidire la vecchia guardia; quello che capisco un po' meno (da esterno, quindi con tutta l'ignoranza del caso) sono le frasi che erano volate in quelle discussioni: cose come "Questo è il nostro territorio", "Voi non siete dei gamers" e simili, che il prossimo passo era nascondere una testa di cavallo nel letto dei PanPers.

      Non sono un fan nè di una nè dell'altra parte (l'unico canale di gaming italiano che seguo è proprio Yotizio/YotobiGames), però questa affermazione del monopolio di gaming (c'è chi l'aveva definita proprio così) mi aveva un po' infastidito: è un po' come se, agli inizi del gaming italiano, fosse saltato su PewDiePie, intimando ai gamers italiani di chiudere perché "era il suo territorio".

      Inoltre i PanPers non volevano di certo fare gameplay veri e propri, ma semplicemente giocare a cazzeggio: insomma, non saranno certo loro a rubare visualizzazioni a chi vuole vedere un gameplay serio e giocato in modo competente.

      Elimina
    3. Perché è saltato fuori che, sa il cazzo il motivo, con i gaming si guadagna di più. Il problema è che i gameplay seri e giocati in modo competente non sono tanto apprezzati quanto quelli di cazzeggio, di cui, chiaramente, i big come Matano avranno il monopolio d'ora in poi.

      Elimina
    4. Certo, quelli giocati con leggerezza attirano più visualizzazioni, ma resta sempre il fatto che questo non va di certo a togliere visualizzazioni ai gamers competenti: se a me interessa un gameplay serio, mi interessa pure se nascono 20 mila canali di gaming "stupido"; se il gameplay serio non mi interessa, continua a non interessarmi, indipendentemente dai gameplay leggeri. Almeno, io la penso così

      Elimina
  7. Mi scuso in anticipo per la lunghezza del commento!

    Non sono uno youtuber... quindi la mia opinione, come qualcuno mi fece notare in tempi remoti, non conta un cazzo. xD
    Ma vabbè, provo a lasciare qualche pallido tentativo di riflessione...
    Capisco bene che non salti in testa a tutti di andare a pacioccare le impostazioni di Youtube. Io stesso sono uno che quando vede il tasto “Opzioni”, tende a lasciarlo lì a languire. E capisco anche che qualcuno ne ignori l'esistenza, o si dimentichi... direi che in una vita normale, le impostazioni non sono proprio in cima alle nostre priorità!
    Però credo anche che, superato un certo grado e diventati yotuber abituali, si cominci ad essere addentro alle consuetudini. Così come ci si imbatta in argomenti, quale quello dei feed, che rompono talmente le scatole che praticamente sono loro a saltarti addosso. A volte penso che se fossi Youtuber, finirei per aprire i feed anche solo per evitare questa strategia del logoramento... visto che a qualcuno crea vantaggio, e a me personalmente non crea nocumento.

    E preciso, condivido la battaglia, ma non i toni. Ma in ordine sparso ho sentito frasi che non fanno onore a nessuna delle parti in causa. Lo dico con il cuore, vista da fuori la controversia non mi aiuta ad avere una buona impressione di Youtube.

    Tornando ai feed, io mi metto fra i moderati. Non li considero la nuova quintessenza, la panacea, una pietra filosofale... e nemmeno una soluzione che revitalizzerà il Capitalismo, conducendo gli uomini ad un paradiso con 50 vergini, 3 fumetterie, e buoni illimitati per Steam.
    So perfettamente che l'utente medio di yotube non ha un account, e se ce l'ha non è iscritto ai canali ma commenta e basta. Non è forse questa la ragione del “click” in più ,richiesto dalla nuova Youtube?
    Ma per coloro che sono già più addentro al mondo di Yotube, e magari sono interessati a determinate aree tematiche di video, è un grosso aiuto. Diciamo che ci guadagna l'utente, oltre che lo Youtuber (sì, sono un utente egoista, e penso solo a me, ignorando gli youtuber).

    Sul capitolo G+ non ho granchè da dire, sono stato più volte seviziato verbalmente per averne evidenziato le potenzialità, quindi... sì, sono uno di quei pochi che ama G+, una razza ancestrale e perduta come i fan del Nono Dottore.

    Ovviamente tutto ciò al netto della libertà personale. E' chiaro che determinate scelte sono rimesse alla sensibilità del singolo youtuber, a sua volta determinata dalla visione che ha del Tubo, e dall'uso che vuole farne. Credo che chi ne ha una visione più “strutturata” (passami il termine, non trovo nulla di più calzante) senta una sorta di insieme di norme non scritte, implicite. Norme che ovviamente non sono un obbligo, ma che lui sente come una virtuosa consuetudine... e ovviamente si infervora quando qualcosa vi confligge. Una sorta di “diritto naturale” su youtube.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensiamo in modo molto simile alla fine. E ho ragionato come te sulla liberalizzazione dei feed proprio perché non mi tange in nessun modo (io sono più estremo: sarei addirittura per rendere pubblici i non mi piace)

      Quanto a G+ siamo in due anche se a quelli di Google imputo il non aver capito cosa deve fare da grande Google plus. Adesso è in quella situazione di vorrei ma non posso, di natura duplice di estensione di Youtube e contemporaneamente di social network indipendente. Se si riuscisse a rendere le due identità un'unicun più coeso sarebbe un bene per tutti

      Elimina
  8. Molto bravo Tizio! (Anche se io non riesco ad abituarmi con Google+ nonostante cerco di farlo) Comunque io, vedendo casi come questo, in cui da un granello di sabbia ne esca una montagna (non credo che il proverbio fosse così ma pazienza), mi convinco sempre più che prima o poi ricadremo nuovamente in uno stato di dittatura (come se non lo fossimo già *coff coff*). Rinnovo i complimenti :)

    RispondiElimina
  9. Allora, sinceramente a me dei feed è sempre importato poco, e non nascondo di non aprire youtube scrivendolo su motore di ricerca e cliccando alla pagina vergine, bensì lo apro sempre sulla pagina "Solo i video caricati", e quindi l' argomento non mi è mai interessato più di tanto, fino a poco fa, e per fino a poco fa intendo prima del inizio di questa (potere delle virgolette vieni a me) """""Battaglia""""", sinceramente trovo che questa (di nuovo) """""Battaglia""""" serva solo a farsi vedere, perché si sa che i (passatemi il termine) Big di youtube attirano, ma attirano altrettanto quelli che gli scassano le palle, adesso prendo un esempio completamente a caso, una persona che nessuno ha mai notato Dellimellow, io devo dire di non averlo mai seguito, ho visto 2 video suoi credo, ma nulla più, mi rode vedere che appena il già citato: Gliotobi, (mi piace scritto così XD) scrive un commento arriva lui più veloce della luce a rompergli dicendogli "Se il video t'è piaciuto mettigli mi piace", ora, lo trovo si giusto, quanto trovo che non siano cazzi suoi, ma sapere per certo che lui e quelli che come lui mandano avanti questa (n'antra vorta) """""Battaglia""""" non la porteranno mai avanti contro i piccoli youtubers, non andranno mai sul canale di un tipo a caso nei commenti di un video per vedere se ha i feed sbloccati, e se non li ha gli scassano l' anima, lo faranno solo con i grossi, per attirare gente sia ad insultarli (difatti credo che poverino il 80% del pubblico di Dellimellow sia composto da haters, e mi spiace per lui) sia a vedere il video e dire "m sa ke a raggione!!!UNOOOO!!!!ONEEEEE!!!!EIIIIIN!", quindi questo, a questo serve questa (aridaje) """""Battaglia""""" ad avere gente, poi i feed possono aiutare non dico il contrario, ma non parlo dei feed in se, ma di chi sta combattendo una guerra che altro non serve a darsi visibilità, almeno a mia opinione, poi mi posso anche sbagliare

    RispondiElimina
  10. Io continuo a dire: Una persona deve poter fare il cazzo che vuole, fine. Io voglio mettere i 'mi piace' ai video della gente che bacia i cani (per dire) e non voglio che il mondo lo sappia. Va bene? Sarò libera? (io, per dire chiunque). ECCHEPPALLE. Youtube è fatto di contenuti, a voi devono interessare i contenuti, e tranquilli, a lungo andare se fate qualcosa di bello verrete ripagati. SEMPRE, feed o non feed. O forse reputate Polanski un regista meno bravo perché è un pregiudicato? Criticare un creatore di contenuti (al limite della diffamazione e del cyber bullismo) non per i contenuti in sè ma per il contorno è da stronzi. Fine. Ciao.

    RispondiElimina
  11. Roberto Bonetti Leggendo i commenti sotto al tuo post, vorrei ricapitolare la questione. Io affermo che se guardo un video che ho deciso di guardare e metto MI PIACE , so che con i FEED liberi , do visibilità a quel contenuto . Ovviamente per alcuni, io affermo ciò per ottenere io stesso visibilità. Premettendo che la permalosità umana non spingerà mai e poi mai a condividere un mio contenuto dopo questa " battaglia " da parte di certe persone, posso però capire che esponendomi su questa questione, ne acquisisco di visibilità. Quindi mi segno che in Italia fare qualcosa , significa farlo solo per i propri interessi anche se il principio per cui si fanno certe cose è per interesse generale. Ora saputo e risaputo che determinati youtuber utilizzano il tasto MI PIACE per pubblicizzare amici e parenti o raccomandare il Francesco Sole di turno o lanciare una campagna pubblicitaria, non capisco lo stupore nel momento in cui ritengo questo tipo di comportamento da " stronzi " visto che quel tipo di " potere " gli è stato dato a questi youtuber grazie al comportamento diverso che gli utenti hanno avuto nei loro confronti ( mettendogli " mi piace " , condividendo, etc ). Sarebbe molto più semplice ammettere come funzionano le cose e cambiare atteggiamento. Non volete farlo? Liberi di farlo, ma per quanto mi riguarda le scuse legate alla privacy etc...sono solo scuse.. Ovviamente io parlo di quegli Youtuber che sanno come funzionano le cose e che hanno chiesto i " mi piace " . E' bello sapere che chi dice apertamente che boicotterebbe questi " stronzetti " è fascista, mentre chi, col sorriso, li tiene chiusi e li apre solo quando ci guadagna qualche centinaia di euro...è l'angioletto ...nonostante dopo tutto è il primo che boicotta col suo sistema qualsiasi altro progetto di cui non ci guadagna personalmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberto come ti ho già detto in privato, probabilmente non sono riuscito a fare tutta una serie di distinguo nel post che forse vanno fatti.

      È innegabile che ci siano tra tutti anche quelli che sono consapevoli del potere del loro feed e lo "affidano" solo a ordini di scuderia o che addirittura venga venduto. Approvo questo? No, manco per il cazzo. Lo accetto ma non lo condivido.

      Quello che posso criticare non è la battaglia in sé quanto come questa possa essere stata fraintesa e strumentalizzata da chi sa fare il furbacchione.

      E non penso che sia fascista chi dice il suo pensiero. Penso che sia fascista chi cerca di impormi il suo pensiero. E quindi va da se che non penso che tu sia fascista.

      Elimina
  12. La mia risposta http://dellimellow.blogspot.it/2014/01/lettera-aperta-al-tizio-qualunque.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risposto con piacere. Nonostante i punti di vista diversi è bello se nasce qualcosa di produttivo. E di Dellimellow si può dire tutto (e parecchie te ne ho dette anche non tranquillo) ma, perlomeno, ci mette la faccia.

      Elimina
  13. la mia "posizione" da perfetto "democristiano" è nel mezzo, ognuno ha la libertà di scegliere, e tenere i feed aperti o chiusi, che se ne dica è una scelta, io scelgo di tenerli aperti, io scelgo di tenerli chiusi, però, se io che scelgo di tenerli chiusi, mi lamento della poca qualità dei video che circolano, e dico che i video di andrea kondra, che sono qualcosa di meraviglioso, hanno pochissima visibilità, rispetto a quello che meriterebbero, perché ...cazzarola #cinemakondra è meraviglioso, per non parlare di born to be black, e se questa cosa è meravigliosa, e mi "lamento" che sia poco vista, io, con i miei 500 iscritti (perché sono una testa di cazzo ed ho chiuso il canale aperto nel 2007 con 12.000 iscritti) per quel che posso, cerco di dare visibilità ad andrea, e se in pochi vedono andrea, "ho il diritto" di lamentarmi e dire, "cazzarola,questa roba è fantastica e non se la incula nessuno" ma se non faccio nulla per dare visibilità ad andrea, (che sto usando come esempio perché è l'esempio perfetto) con quale "diritto" mi lamento della poca visibilità che ha ?

    RispondiElimina
  14. E' bello trovare qualcun'altro che la pensi come me. Ti copypasto ciò che ho scritto sul gruppo fb di Youtube Italia:

    Uno spettro si aggira per Youtube: lo spettro dei feed chiusi. Tutte le potenze del vecchio Youtube si sono coalizzate in una sacra caccia alle streghe contro questo spettro: Bonetti, dellimellow, Boban, radicali bimbiminchia e vlogger inutili.

    Si parla di feed liberi, ma dov'è la libertà nel non poter chiudere dei feed e ritrovarsi contro una banda di Dellini a riempirti di "Non mi piace" e di commenti come "Venduto!!!1!"? La community di Youtube non può essere imposta, youtube è un sito di hosting di video e chi non vuol stare nella community non ci sta, c'è chi pensa che non sia professionale far arrivare notifiche del tipo "Gliotoby ha messo Mi piace al video "Guardate come è bello il mio gattino" ".

    Ma oltre a scrivervi la mia opinione, vorrei farvi riflettere sui modi usati dal nostro affezionatissimo Dellimellow per combattere la sua battaglia: i boicottaggi non sono anche i mezzi che utilizzano gli animalisti contro gli studi di ricerca? Non sono quel mezzo che non fa altro che aizzare la folla contro qualcuno senza ascoltare le sue ragioni? Boh. Seriamente, io qui vedo un'intera community convinta di una cosa che sta cercando di imporre la sua idea malata a gente che pensa solo al suo canale.

    RispondiElimina
  15. Non sono d'accordo solo con l'ultima parte. Penso che i feed possano davvero cambiare YouTube, se ci fosse un'educazione e una sensibilizzazione del pubblico. Non è un'utopia, è soltanto un processo molto lungo.
    Capisco poi chi non li tiene aperti, ma non utilizzare tutti gli strumenti che YouTube ci dà e poi lamentarsi di YouTube è un controsenso. Legittimo, eh, ma a mio parere senza senso alcuno.

    Ad ogni modo, il tuo stile di scrittura rimane squisitamente delicato: mi piace un sacco

    RispondiElimina
  16. Bell'articolo! Io penso che "libealizzare" i feed sia una cosa giusta, però mi sono chiesto spesso, come te, se può essere veramente qualcosa di incisivo, visto che per vedere i feed di uno youtuber devo "andarmeli a cercare" e ovviamente non li si può vedere tutti. Questa battaglia era nata sana ma ora mi fa avere molti ripensamenti, soprattutto per l'aggressività con cui viene portata avanti. A mio parere si sarebbero potuti ottenere più risultati con maggior moderazione senza attaccare senza pietà lo youtuber in questione. Quindi si, sono d'accordo con te (...e non vedevo l'ora che uscisse un tuo post sulla questione, perchè sì, lo sapevo che sarebbe uscito :D ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Odio esser così prevedibile :D anche perché chi mi vuole male ci va a nozze!

      Elimina
  17. Tizio si sta parlando in particolar modo di Yotobi proprio perchè si vede del buono in lui,come quando nelle live dimostra di seguire e di tenerci a Youtube.Ha però deciso di distaccarsi e di non intervenire su nulla,di vedere bellissimi video che commenta ma ai quali non vuole dare visibilità se non su g+,involontariamente.Sarebbero molte meno le critiche se li aprisse e mettesse un mi piace ad un amico che tenerli chiusi e sbattersene.Prendiamo Di Biagio,dopo l'apertura dei feed tutto è stato migliore,per lui che ha trovato un modo di contribuire al bene della community con un gesto spontaneao quale il mi piace o l'iscrizione e per chi lo segue,che ha potuto apprezzarlo di più per questa felice scelta.Purtroppo in molti vedono queste richieste,anche se pacate e ben argomentate come fasciste o fatte solo "per attirare l'attenzione".Questo ultimo punto è leggittimo e giusto,ma lo è perchè non è il solo motivo,si cerca di attirare l'attenzione perchè un po' tutti teniamo a youtube e crediamo che i feed,non che possano rivoluzionare,ma comunque possano dare un buon contributo positivo.Si critica più un'argomentazione pacata che una battutaccia squallida di Matioski che ha deciso di fomentare la polemica senza fare nomi e scrivendo un tweet di cattivo gusto.Può stare sul cazzo Dellimellow,posso capire per le sue trollate ecc,ma un video come quello di Boban non è nè trollata nè tantomeno offensivo.Se si rispondesse alle critiche senza tirarsi indietro,facendo nomi,partecipando attivamente ai dibattiti senza nascondersi e senza aver paura di "dare popolarità"(oh mio Dio l'orrore!!) si potrebbe giungere a risultati buoni.Tu Tizio sei l'esempio perfetto del dibattito pacifico,argomentato e senza paura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sento di rispondere con certezza solo su di me stesso. Sugli altri posso teorizzare. Quello che penso io è che ci sono TANTI che fanno un calcolo nel non mettere il mi piace e tantissimi che invece non sanno nemmeno cosa siano i feed. Su cosa sono dubbioso è sulla vera efficacia della cosa e sulla deriva un po' forzata che la battaglia ha avuto.

      Elimina
    2. sì come aveva detto Di Biagio,che disse che non conosceva i feed(tendo a crederci anche se non ne ho la certezza,ma se pensiamo sempre male non ne usciamo più,anche perchè la motivazione non mi interessa,ha fatto un bel gesto).Non credo sia proprio il caso di Yotobi che i feed li conosce e ne conosce l'uso e se ieri su twich(ipotesi,non ho seguito la live,lo ha riportato qualcuno) ha detto che lui li ha aperti mi cade parecchio,perchè vuol dire prenderci un po' per scemi.Li ha aperti per "mi piaciare" solo sè stesso,quindi ne conosce l'utilizzo che se ne può fare e mi aspetterei da lui una spiegazione(non è costretto lo so,ma è criticabile) del perchè li ha chiusi.Possono essere diverse,paura delle critiche,spammoni che arrivano ecc ecc ma come per tutte le cose,si possono fare live,o post,o commenti dove se ne discute,se ne parla e poi sta a lui fare la scelta che desidera migliore.Rinchiudersi,rifiutare il confronto o apprezzare post violenti(sarcastico Matioski ok,meno male,ma sempre post squallido) non aiuta di certo.Sui feed non parto col presupposto di aver ragione,io ritengo non siano fondamentali ma molto importanti per la crescita di canali minori e non,che dimostrano la trasparenza di uno youtuber.Sarò uno dei pochi,ma quando sento youtuber come Ahra's Rewiews che dicono senza paura il guadagno grazie alla collaborazione con un negozio online a me viene da fargli un applauso.So che in Italia questa cosa non è ancora vista di buon occhio e che i feed se aperti possono essere oggetti di critica perchè si sponsorizza l'amico ecc ecc ma se non si cerca di cambiare,anche in piccole cose,non si può sperare che la community si faccia da sola criticando i video stupidi e non facendo nulla per premiare ciò che contrasterebbe quest'ultimi.Oltre ai feed ci sarebbe anche la condivisione su fb,basti vedere il video su ask di Dellimellow condiviso dal Moccia come ha avuto una crescita di views in poco tempo.Quando si pretende è sempre sbagliato,su questo concordo con te,ma ad un dibattito tranquillo si potrebbe anche partecipare e poi decidere di conseguenza se tenere o meno ancora i feed chiusi

      Elimina
    3. non ho controllato la grammatica perchè ho scritto senza riguardare,quindi potrei aver commesso alcuni errori,L'importante è che si capisca ciò che voglio dire

      Elimina
  18. Secondo me il problema è che il signor Yotobi è iscritto a YouTube ancor prima che esso diventasse un social network, e forse nemmeno oggi gli interessa la parte social.
    Lui carica video e basta, è solitario e vuole in tutti i modi tenersi lontano dai problemi che possono nascere facendo parte di una community (e infatti l'unica accusa che gli viene fatta è di non partecipare alla community).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però prima lo faceva capisci? poi di punto in bianco ha avuto questo attegiamento e non dà nessuna spiegazione.Non è costretto bla bla bla,ma è criticabile

      Elimina
    2. ma a qualcuno è venuto in mente, proprio perché prima lo faceva e ora non più, che NON lo faccia né per cattiveria, né per furberia ma per altro? Io non vado a chiedere a Karim "oh ma perché non metti mi piace a questo qui che è bravo" ma suppongo che abbia motivazioni più che valido. Pensi che nessuno avrebbe da dire sui suoi eventuali mi piace? Che tutti direbbero "bravo!" non conosci Youtube Italia. :)

      Elimina
    3. Tizio ti ho risposto nell'altro commento che ho fatto in pratica,dove ho ipotizzato le motivazioni.Quello che ho chiesto è di non tirarsi indietro ma accettare un dibattito pacifico dove ci si confronta con serenità,facendo nomi e mettendoci la faccia.Noi possiamo solo ipotizzare(tu magari no che sei suo amico ma noi sì)sui motivi della sua scelta,ma fatto sta che non lo dice pubblicamente.Ripeto,potrebbe partecipare alla discussione,che si sta rivelando ricca e piena di argomentazioni da una parte e dall'altra e dire la sua e,dopo aver valutato,fare la sua decisione sui feed.Rifiutare il confronto o buttarla in caciara alla Matioski non aiuta di certo

      Elimina
    4. poi mi sembra che sta avendo più critiche ora per la chiusura dei feed che per un eventuale mi piace ad un tuo video ad esempio,cosa legittimissima,uno coi propri feed fa ciò che vuole,ciò che critico sono i mi piace comprati,poi se mettesse mi piace anche ad amici non ci sarebbe niente da ridire.Lo fa Moccia e nessuno dice niente,lo sta facendo Di Biagio e la gente non lo critica,ormai tenerli chiusi è più oggetto di critica

      Elimina
    5. se Yotobi è quello più citato è proprio perchè sembra proprio un bravo ragazzo,non lo conosco,ma lo sembra proprio.Prima collaborava con tanti altri youtubers,li sponsorizzava ovunque e dispiace vedere ora praticamente l'inverso.Ci saranno buoni motivi,può essere,ma spiegarli pubblicamente sarebbe un bel gesto.Da altri youtubers la gente si aspetta poco perchè sa che gliene importa poco di Youtube,con Karim è diverso e ripeto ancora una volta,rifiutare dialoghi e confronti non aiuta nessuno,lui per primo

      Elimina
    6. Pino guarda che lo ha spiegato in mille live del motivo dei feed, e del perchè non pubblicizza più nessuno nei suoi video.

      Elimina
    7. @ivan rizzo non sta partecipando alla discussione e preferisce apprezzare tweet idioti piuttosto che essere partecipe ad una questione molto discussa su youtube italia.Non vuole dare popolarità a gente come Dellimellow o anche Boban,che cercano di argomentare una tesi e preferisce starne fuori.Non ci sono solo i feed,ma anche le condivisioni su fb che funzionano molto.Sulle live,ne ho seguite molte,non tutte ovviamente,se vuoi linkami quelle a cui ti riferisci

      Elimina
    8. ma che ragionamento è "non sta partecipando alla discussione"? Non sta nemmeno facendo il missionario ma non vuol dire nulla.

      Elimina
    9. allora se ne rimane fuori,non appoggiando un tweet stupido.Non siamo noi ad esserci lamentati di Youtube,poi è normale che uno si aspetti un minimo di partecipazione alla communtity(è una critica legittima,poi ognuno è libero di far ciò che vuole).Comunque ne ho già parlato a sufficienza,nell'ultimo commento me la sono sbrigata veloce perchè ho già scritto molto prima

      Elimina
  19. Perfettamente d'accordo Tizio, mi hai rubato tutte le parole di bocca (e a proposito farò un video contro di te chiamato "Copizio qualunque" accusandoti di plagio). Molti pensano che "feed aperti" = "tanta qualità", ma uno potrebbe avere tranquillamente i feed aperti e mettere mi piace comunque solo ai suoi amici (o mettere "mi piace" ai vari fenomeni da baraccone del web, Gemma del sud, Giuseppe Simone, Matteo Montesi, questi mica ce li ha portati la TV eh).

    RispondiElimina
  20. Ma Yotobi, perchè non togli le tende dalle finestre di casa?!

    A me sembra di leggere questo ogni volta che qualcuno parla di apertura dei feed.
    Ma saranno cazzi suoi cosa farne!
    E aprendo i feed non si migliorerebbe youtube, prima deve migliorare la community italiana, se community si può definire, che insulta persone per quei pochi soldi che fa dai video e si formano "scuderie" e cazzate del genere.
    Miglioriamo la community prima di tutto.

    RispondiElimina
  21. Sai cosa? Dovrebbero liberalizzare i feed, così poi tutti gli youtuber famosi si faranno un bel canale incognito con cui mettere mi piace a ciò che davvero gli piace e col canale principale mettere mi piace solo ai loro video. Mi metterei a ridere per eoni.
    Cmq va là che di problemi ce ne sono pochi in giro se le questioni impellenti sono la liberalizzazione o meno dei feed di youtube.

    RispondiElimina
  22. Salvare youtube no (salvarlo?), ma possono dare indicazioni interessanti, questo si.
    Seppur comprendo chi non voglia esporre i propri feed, privacy, non voglia, non gli piace la parola, qualsiasi cosa :P Comunque ritengo che ognuno possa avere la sua opinione tranquillamente, poi, quando entrano in gioco gli estremisti e le urla, allora tutto diventa pericoloso.

    RispondiElimina

Google+